Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

Cosa fa?

Svolge attività di analisi biomedica in laboratorio, occupandosi di biochimica, microbiologia, anatomia patologica, genetica, biologia molecolare e immunoematologia trasfusionale.

Nello specifico:

  • mette in atto le tecniche analitiche più idonee;
  • valuta e trasmette a referto i dati analitici;
  • verifica la conformità dei campioni e dei preparati pervenuti;
  • verifica le carte di controllo di qualità. 

Titolo di studio

Formazione Universitaria:

  • Laurea triennale
  • Diploma universitario (LEGGE 19 novembre 1990, n. 341. )
  • Diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del DPR n. 162/1982, di durata biennale o triennale – Corsi attivati dall’anno accademico 1982 /1983. (Decreto Presidente Repubblica n. 162 del 10/03/1982 )
  • Diploma di scuola speciale universitaria alla quale si accede con diploma di scuola media di secondo grado – Corsi attivati prima dell’anno accademico 1982 /1983. (D.M. 30.01.82, art. 81.)

Formazione Regionale/Ospedaliera:

  • Attestato di corso di abilitazione per tecnico di laboratorio medico, di durata almeno biennale, svolto in presidi del Servizio sanitario nazionale, al quale si accede con diploma di istruzione secondaria di secondo grado – corso di durata almeno biennale. (D.M. 30.01.82, art. 81. )
  • Titolo di perito chimico ad orientamento analitico integrato da certificato di corso ospedaliero di perfezionamento in tecnico di laboratorio medico. (Decreto del DPR n.130 del 27/03/1969 art.132.)

Formazione scuola di secondo grado:

  • Titolo di istituto tecnico femminile ad orientamento specifico – fino all’attivazione dell’anno scolastico 1981-82 (maturità 1985-1986). (Decreto del DPR n.130 del 27/03/1969 art.132.)

Equipollenza Titoli:

 

 

Codice Deontologico: